GERMANI: FINALMENTE VITTORIA! 29 I PUNTI DI MITROU-LONG

Per la Leonessa la quarta volta è quella buona: si prende i primi 2 punti di questa stagione e trova il sorriso davanti al proprio pubblico. I 1656 presenti stasera possono finalmente cantar vittoria dopo un avvio di stagione sotto le aspettative. Brescia parte bene, fatica nel secondo quarto, sfata il tabù del terzo e domina nell’ultimo grazie anche a Mitrou-Long che sfodera tutto il suo talento nella sua miglior partita fino a qui.

Ottimo impatto per il quintetto iniziale di coach Magro (Gabriel, Mitrou-Long, Della Valle, Burns e Moss) che parte con un 5 – 0 firmato Della Valle. Per i primi 3 minuti di gara, Napoli non vede il canestro e la Germani ne approfitta per un parziale di 9 – 0. Ci pensa Elegar ad aprire le danze e anche la GeVi inizia la sua partita. La Leonessa non è mai doma nel primo quarto grazie anche ad una pioggia di triple (80%) e chiude il parziale in vantaggio. 26 – 21

Ripartenza in salita per la Germani: con qualche errore di troppo concede a Napoli l’avvicinamento. Sul 37 – 34, una stoppata di Lombardi consente alla GeVi il – 1 grazie al canestro di Rich. I padroni di casa non si perdono d’animo e trovano 4 punti di scarto grazie a due canestri consecutivi di Mitrou-Long. Rich però mette a segno la tripla che accorcia la distanza e chiude il quarto con Brescia avanti di una sola lunghezza. 41 – 39

Il terzo quarto inizia con il sorpasso di Napoli grazie ad una tripla di Rich. Arrivano anche i primi liberi della serata per la Germani che, segnandone 1/2, torna in parità. Parks, Mayo e McDuffie rimettono avanti la GeVi, ma Mitrou-Long e Della Valle rispondono per le rime e Brescia torna avanti (58 – 52). Le tre triple di Della Valle scaldano il clima e la Leonessa con Cobbins si porta sul + 10. Velicka prova a ricucire il distacco con un canestro da due ma Petrucelli risponde da tre e Brescia si affaccia all’ultimo parziale in vantaggio di 11 punti. (70 – 59)

La Germani si impone anche nell’ultimo quarto grazie alla mano calda di Mitrou-Long e alla “garra” di Laquintana. Sul + 15 dei padroni di casa, Rich e Velicka riportano la GeVi a – 9. La pioggia di triple dei biancoblu, però, tiene i campani sotto di 10 e la Leonessa trova la prima agognata vittoria di questa stagione.

L’articolo GERMANI: FINALMENTE VITTORIA! 29 I PUNTI DI MITROU-LONG proviene da Bresciasport.

BRESCIA, INZAGHI: “PARTITA DA PAREGGIO. NIENTE DRAMMI”

Filippo Inzaghi non è preoccupato per il ko subito contro il Perugia. Il tecnico del Brescia analizza con lucidità la opaca prestazione dei suoi convinto si tratti di un passo falso e di una situazione momentanea.

“Dobbiamo calibrare le nostre prestazioni, ma penso che piano piano troveremo la quadratura. Dalla prossima torneremo a fare bene. Sapevamo che il Perugia aveva questo modo di giocare uomo contro uomo, dovevamo sfruttare meglio l’uno contro uno in ripartenza. Invece siamo stati leziosi. Il paradosso è che abbiamo avuto una grande tenuta difensiva contro attaccanti pericolosi, ma dobbiamo trovare la quadratura. Non eravamo fenomeni 2 partite fa, ora non dobbiamo deprimerci. Vediamo le difficoltà del campionato, la classifica è corta ma abbiamo due gare in casa e dobbiamo tornare a vincere”:

“Faccio fatica a rimproverare i ragazzi, era una partita da pareggio e sono stati più scaltri di noi. Nella ripresa ho provato a inserire tutte le frecce per rimetterla in piedi ma non ci siamo riusciti. Al di là della sconfitta il Brescia sta bene e se la giocherà con tutti”.

“Per il Perugia dopo il rigore si è messa nel le condizioni migliori. La gara è stata decisa da un episodio, dovevamo essere più attenti. Ci teniamo la grande tenuta difensiva di oggi, siamo stati più protetti e abbiamo creato meno. Abbiamo trovato solidità, come dovevamo, e i gol, con gli attaccanti che abbiamo, arriveranno”.

L’articolo BRESCIA, INZAGHI: “PARTITA DA PAREGGIO. NIENTE DRAMMI” proviene da Bresciasport.

BRESCIA, PASSO INDIETRO CHE PREOCCUPA!

Un ko che fa male e preoccupa più della sconfitta per 4-2 contro il Como. Un passo indietro, quello del Brescia di Filippo Inzaghi a Perugia ad aprire le prime crepe del progetto tecnico di Filippo Inzaghi. Un Brescia con poche idee e con le batterie scariche rispetto ad una squadra, quella guidata da Alvini, ad aver dimostrato maggiore verve sotto il profilo della voglia di raggiungere la vittoria e l’aspetto fisico.

Troppi giocatori sottotono: da Moreo a Jagiello passando per Bisoli e Van de Looi. Il solo Palacio (39 anni!) ha provato a fare qualcosa salvanosi dalla negatività assoluta vista al Curi. Per Inzaghi c’è molto da riflettere e ragionale, pensare e scovare quelle che sono le difficoltà di una macchina che sembra essersi inceppata. Non può bastare l’appannamento di alcuni elementi della rosa e l’assenza di Leris, sempre più perno imprescindibile per il gioco del Brescia soprattutto quando la sua assenza pesa nell’economia dell’imprevedibilità del gioco delle rondinelle.

Proprio il gioco contro il Perugia non si è visto. Troppi lanci lunghi per Palacio il quale, da solo, ha provato a fare la guerra in mezzo alla difesa umbra. Il resto dei compagni è apparso troppo timido nel cercare di trovare lo spazio libero per buttarsi. A mancare è stato anche l’aspetto fondamentale della superiorità numerica. Nessuno si è preso questa responsabilità! Insomma: tanti problemi per Inzaghi da risolvere il prima possibile.

L’articolo BRESCIA, PASSO INDIETRO CHE PREOCCUPA! proviene da Bresciasport.